di diabete, di microP e di me

Un altro giorno 28, un altro nuovo inizio, un altro passettino avanti, un nuovo microP(ancreas) 780G da indossare…

La sfida è conciliare una vita normale e prendersi cura della mia salute. Per fare questo, per me, gli elementi importanti sono (a fasi alterne semplici o complicati da portare avanti): autocontrollo e terapia, conoscenza di sé, alimentazione e sport. Inoltre, informarsi, confrontarsi con altre persone (con il diabete e/o operatori sanitari), condividere preoccupazioni, sdrammatizzare e divertirsi insieme, dare e ricevere consigli… migliora ancora di più la qualità della vita!

Per gli aspetti più tecnici della terapia, in questi anni ho avuto alcuni cambiamenti decisamente migliorativi. Il mio primo passo avanti è stato introdurre la conta dei carboidrati e gestire le iniezioni di insulina in modo più accurato (e allo stesso tempo essere più consapevole della quantità e del tipo di alimenti). Il secondo è stato iniziare a pensare in time-in-range invece che in glicemie medie, grazie al monitoraggio con i sensori invece che le sole glicemie capillari (anche i polpastrelli ringraziano). Il terzo passo avanti è stata la decisone di lasciare la terapia multiiniettiva (almeno 4 punture con le penne al giorno) per passare al microinfusore (il mio primo il 670G, con modalità smartguard con microboli).

Ogni cosa imparata, ogni piccola conquista, mi ha semplificato un po’ la vita. Ricordarlo ogni tanto, mi aiuta quando le cose non girano bene, quando la fatica ad accettare la malattia si fa sentire, quando le glicemie sono come sulle montagne russe.

L’altro giorno, ho fatto un elenco di 10 cose sul diabete e su di me… è così che oggi inizio questa nuova fase!

  1. Ogni tanto mi piace spostare i mobili in casa.
  2. Ho scoperto di avere il diabete di tipo1 a 21 anni, con una glicata HbA1c di 15,5%.
  3. Porto gli occhiali a seguito di una cataratta metabolica e da allora non ho più giocato a pallavolo. Smettere di giocare è stata una cosa dolorosa, che mi ha fatto sentire smarrita.
  4. Sono laureata in chimica e mi piace stare in laboratorio.
  5. Non mi piacciono i gatti, la forma delle mie gambe, avere il diabete.
  6. Vorrei vedere l’aurora boreale, la Siria, la cura definitiva per il diabete.
  7. Mi piace la gente e anche alzare lo sguardo al Cielo, mi fa sentire voluta bene e grata per la mia vita.
  8. Quando sono in treno, mi capita di pensare a personaggi e situazioni che potrei incontrare in un romanzo. O in una serie netflix.
  9. Mi accorgo spesso di sorridere, ma quando in aereo guardo un film quasi sempre piango.
  10. Mi sono lanciata, insieme ad altri, in questa bella cosa che è ADFe e ne sono contenta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.