[700 parole] Mascherina, guanti e… microP!

Al 90simo giorno esatto dal (mio) lockdown, rimetto piede in Lab. Sembra un paradosso, ma quando l’anno scolastico 2019-2020 è formalmente finito, io riparto al lavoro in presenza… e lo stato d’animo è un po’ lo stesso del ritorno a scuola dopo tre mesi estivi a casa (la scuola che è stata per me, per lo meno, e che ha contribuito a farmi diventare la donna che sono oggi). Niente di eccezionalmente nuovo, perché già conosci ambiente, cose da fare, persone e non vedi l’ora di ri-vedere certe facce. Un inizio, nuovo inizio.

Non vacanza estiva ma smart working. Non una pausa programmata ma un’emergenza sanitaria globalizzata e allo stesso tempo fuori dalla porta di casa. Non relax vacanziero ma impegno per rendersi utile a distanza, in modalità lavoro agile. Ed uno stop dalla quotidianità come la conoscevamo e in cui sono emerse tante fragilità personali, sociali e globali.

In un momento in cui il compenso glicemico non era dei (miei) migliori, in cui avevo iniziato il training per microinfusore… lockdown.

Poi, al 90simo giorno di calendario a casa e stretto controllo glicemico… finalmente il primo giorno in Lab!

Mascherina, guanti e… microP!

Eh già… c’è un altro nuovo inizio che rende questo ritorno alla routine quotidiana del tutto particolare: microinfusore in modalità SmartGuard (grazie alla combo terapia infusionale e monitoraggio continuo della glicemia).

Ecco sei cose che non mi aspettavo (e che mi hanno sorpreso un po’ anche):

  1. La festosità dei colleghi nel vederci  dopo un bel po’.
  2. La voglia di respiro dei miei piedi dopo un giorno intero con le scarpe (non ero proprio più abituata), almeno quanto le mani con i guanti in laboratorio e la mascherina in face.
  3. Il tempo passa veloce quando si è impegnati in qualcosa, anche nel fare il proprio lavoro.
  4. Il caffè è più gustoso se condiviso.
  5. Quando cerchi di vivere al meglio la giornata ti stanchi, ma poi dormi bene.
  6. Il bip-bip-bip del microinfusore che manda allarmi costringe a fermarmi un attimo quando non vorrei ma aiuta davvero molto a non perdere di vista il target glicemico mentre sono occupata… a vivere le mie giornate.

La vera sfida è il giorno dopo il nuovo inizio, domani, la prossima settimana e dopo ancora: sarà una nuova (migliore) normalità, la mia?

Penso alla quarantena che mi sembra già così lontana, anche se non mi sento neanche nella mia vita di prima. Mi sembra quasi di vivere una scena di un film dove il ritmo è dato da situazioni contrapposte che si rincorrono.

L’emergenza Covid di questi mesi, grazie a Dio, l’ho vissuta a distanza e senza situazioni di sofferenza e lutti, come per tante altre persone putroppo, situazioni uscite dal controllo non per la presenza in sè di un nuovo virus ancora sconosciuto o per la mancanza di certezze in campo medico (entrambe cose che solo gli sciocchi potrebbero pensare possano essere diverse) ma per noncuranza e irresponsabilità di chi poteva e doveva agire in modo adeguato al proprio ruolo.

La quarantena per me è stata anche un tempo (e uno spazio) per rivedere le abitudini e quel delicato equilibrio quotidiano, tra terapia farmacologica, alimentazione ed esercizio fisico.

Un tempo (e un’occasione) per ripensare all’esordio della malattia 15 anni fa. La quotidianità stravolta, la mia identità messa in discussione, la pazienza di ricominciare in un modo nuovo e diverso, la ricchezza di integrare la concretezza della vita con l’oltre che ne svela il senso. Rileggere la mia storia per fare memoria e poi fare un passo in avanti.

Un tempo (e un’opportunità) per riconsiderare la priorità e la fattibilità delle scelte sulla base delle mie fragilità, punti di forza, personalità e… quello che la Vita ragala ogni giorno.

Avrò fatto tesoro dello spazio, delle occasioni e dell’opportunità che è stata questa quarantena per me?

Aver guardato indietro a questi 15 anni di diabete e aver trovato un nuovo equilibrio alimentazione/terapia/sport mi aiuterà a vivere al meglio i giorni che verranno?

Mentre recupero tra uno step di corsa e l’altro, riprendo questi pensieri sparsi dei giorni scorsi… e capisco che il regalo più bello che possa fare a me stessa è fidarmi e non rimandare a un domani ottimale che non arriverà da solo, ma contribuire oggi al domani che sarà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.